venerdì 15 maggio 2015

Recensione: 'The Heir' di Kiera Cass

Buongiorno lettori!
Ieri sono stata al Salone del Libro di Torino e ho fatto danni D: Ho speso un po' troppo ahah ad ogni modo vi parlerò di questa giornata favolosa quando vi presenterò i nuovi arrivati (:
Comunque sin dal momento in cui ho scoperto che ci sarebbe stato un seguito per The One, sapevo che mi ci sarei lanciata non appena fosse uscito e così ho fatto! Appena è mi è arrivato questo libro l'ho sfogliato e coccolato e ho terminato ciò che stavo leggendo super rapidamente: non potevo davvero aspettare! E cosa dire..?! Mi è piaciuto e voglio - esigo - il seguito subito!
──────────────────────────
Titolo: The Heir (The Selection, #4)
Autore: Kiera Cass
Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 05 Maggio 2015
Pagine: 338
Prezzo: €17,90
Goodreads  |  inMondadori
Trama:
Sono passati vent'anni da quando America Singer ha partecipato alla selezione e conquistato il cuore del principe Maxon. Ora, nel regno di Illea, è tempo di dare inizio a una nuova selezione. E questa volta sarà la giovane principessa Eadlyn a scegliere tra i trentacinque pretendenti arrivati a palazzo. Non si aspetta certo che la competizione possa regalarle la stessa favola d'amore dei suoi genitori. Ma scoprirà presto che il suo lieto fine non è poi così impossibile come aveva pensato.


RECENSIONE
Maxon e America unendosi in matrimonio hanno eliminato le caste, pensando che i loro sudditi ne sarebbero entusiasti e questo avrebbe dato motivo ai ribelli di smetterla con le guerriglie all'interno del Paese. Purtroppo questo ha placato l'ira dei ribelli per meno tempo di quanto avessero sperato. Per distrarre il pubblico e compiacere la nazione non c'è niente di meglio di una bella Selezione, o almeno è quello che pensano il re e la regina di Illéa, ma la principessa - la futura regina - Eadlyn la pensa diversamente: lei non vuole un compagno di vita, non vuole trovare marito è troppo presto, vuole semplicemente imparare a governare il paese e cavarsela da sola, ma non può contraddire i suoi genitori non quando in gioco c'è il futuro del suo paese. Decide di accettare di indire una Selezione, ma della sola durata di tre mesi, durante i quali farà tutto il possibile per spingere i candidati a lasciare il palazzo, non avrebbe permesso a nessuno di quei ragazzi di governare il paese insieme a lei, ma questa Selezione prende una piega del tutto inaspettata per Eadlyn e inizia a pensare che alla fine dei tre mesi si ritroverà con un anello al dito.
────────────────────────────────────────────────────
Non è un segreto che io adori lo stile di scrittura della Cass, lei scrive in un modo chiaro e lineare, sa' far combaciare tutto quanto e sa' tenere il lettore sulle spine, sa' fargli provare ogni tipo di emozione e soprattutto ha inventiva: le sue storie sono fantastiche e innovative.
Una volta finito The One non vedevo l'ora di poter conoscere la figlia - o meglio i figli - della nostra amata concorrente della Selezione America e del principe Maxon, non vedevo l'ora di poterli vedere nei panni di madre e padre e soprattutto di vedere una versione più adulta di loro. Per fortuna non sono diventati come i regnanti prima di loro - i genitori di Maxon -, non pensano solo al lavoro della figlia, ma vogliono il meglio per lei e sono sempre pronti a sostenerla.
I nuovi concorrenti della Selezione maschili sono molto validi a parer mio, ammetto di avere un debole per alcuni di loro: primo sulla lista è Kile, che nonostante da tutto la vita abiti a Palazzo e conosca sin da bambino Eadlyn, solo adesso hanno iniziato a vedersi come una possibilità e a parer mio sono molto teneri; Hale mi è sembrato un ragazzo molto dolce e premuroso nei confronti della Principessa; il finlandese Henri è tenero nei suoi confronti, si vede che già ci tiene a lei, ma la barriera della lingua non è una cosa da poco; Erik, l'interprete di Henri, si potrebbe dire che è un Vero amico e nonostante non sia un pretendente si preoccupa molto per le condizioni di Eadlyn. Un altro ragazzo che in qualche modo mi è subito piaciuto è Ean che è un ragazzo bello - o almeno così me lo immagino xD - e molto sincero anche se ciò che dice a parer mio non va a suo favore.
Parlando della famiglia reale, la Principessa ha un fratello gemello Ahren che farebbe di tutto per la sorella, ma non si è fatto tanti scrupoli a farla soffrire. La nostra Eadlyn all'inizio non la sopportavo era davvero presuntuosa con il suo 'sono la più potente del mondo', ma andando avanti nella storia ha svelato il suo lato debole, ha lasciato intravedere che anche lei prova delle emozioni e non sempre riesce a mantenere intatta la corazza che si è costruita in tanti anni.
Non ho molto altro da dire, come ho già detto i libri della Cass hanno un qualcosa che mi tiene sempre incollata alle pagine, sarà il fatto che un distopico super-soft e l'autrice mi fa ridere e mi fa piangere, mi fa aver paura insieme ai personaggi e questo non mi capita quasi mai. Purtroppo non riesco mai a decidere di dargli una valutazione massima piena anche se amo da impazzire lo Stato di Illéa.

Continuo a consigliare la serie a chi vuole una lettura semplice, ma che sappia far provare delle vere emozioni.
Tempo di lettura: 3 giorni

Chi di voi, come me, non vedeva l'ora di poter mettere le mani su questo libro? Cosa ne pensate, vi è piaciuto quanto a me? (:

3 commenti:

  1. Il web è pieno di recensioni negative riguardo la saga The selection, ma io personalmente l'adoro. La trovo molto carina ma soprattutto incolla alle pagine! The heir non ho ancora avuto modo di iniziarlo ma campeggia nella mia libreria. Non vedo l'ora di leggerlo! Son contenta che ci sia qualcuno che l'abbia apprezzato come me! *_*

    RispondiElimina
  2. Dopo il finale di The one non credo continuerò questa serie U.U tre libri erano anche troppi e la Cass non è nemmeno riuscita a risolvere la questione dei ribelli. Mi sono fatta fare apposta degli spoiler su questo libro e adesso ho la certezza che non lo leggerò mai XD

    RispondiElimina
  3. Io purtroppo devo dire che ho amato la prima trilogia, ma questo e i libri che seguiranno non sono riusciti a farsi strada nel mio cuore. O meglio, mi è piaciuto, ovvio, ma Eadlyn proprio non mi andava a genio e credo fosse anche per alcune sue stilettate subito a inizio libro che me l'hanno immediatamente fatta trattare con freddezza... Credo però che questo libro sia stato comunque bello per il contorno di Eadlyn, cioè per tutti quei personaggi più o meno importanti che si muovevano intorno a lei e che valgono il libro, per me, perchè si distinguono tutti e sono ben caratterizzati al punto da essermi entrati nel cuore con più facilità della futura regina, che invece ne è rimasta inevitabilmente chiusa fuori, al fredo e senza neanche una coperta con cui riscaldarsi (?).
    Se ti va di leggere la mia recensione in cui esplicito tutti i miei randomici pensieri su questo controverso libro puoi fare un salto sul mio blog: Raggywords: Recensione The Heir - Kiera Cass.
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato.
    Saluti,
    Rainy

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*