martedì 3 novembre 2015

Recensione: 'Magisterium. Il Guanto di Rame'
di C.Clare & H.Black

Buongiorno lettori!
oggi vi parlo di un libro che non vedevo l'ora di poter leggere, per fortuna ho dovuto attendere meno di quanto pensassi. Sto parlando di Magisterium. Il Guanto di Rame, secondo libro della serie scritta a quattro mani da due autrici molto apprezzate: Cassandra Clare e Holly Black!
──────────────────────────
Titolo: Il Guanto di Rame (Magisterium, #2)
Autore: Cassandra Clare & Holly Black
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 20 Ottobre 2015
Pagine: 272
Prezzo: €17,00
Goodreads  |  inMondadori
Trama:
Callum Hunt ha tredici anni, frequenta il secondo anno del Magisterium e dovrebbe essere morto. Perché prima di essere uccisa, sua madre ha lasciato una scritta incisa nel ghiaccio: UCCIDETE IL BAMBINO.
Ma questo non è il peggiore dei suoi segreti. Callum sa di avere dentro di sé l’anima del Nemico, che si è impadronito di lui dopo il Massacro Gelido. E sospetta che suo padre voglia rubare l’Alkahest, il guanto di rame, unico oggetto magico in grado di salvare il mondo dalla malvagità assoluta.
Quando decide di partire in cerca del padre, però, scopre di non essere solo. Con lui ci sono i suoi migliori amici: Aaron, timido e generoso, che ha appena scoperto di essere il Makar e possiede la potente magia del vuoto, Tamara, intelligente e piena di risorse, e Subbuglio, il giovane lupo del caos che non lo abbandona mai.
Callum sa di non avere scelta. Se necessario, dovrà sacrificarsi.
Uno di voi fallirà.
Uno di voi morirà.
E uno di voi è già morto.
Callum sapeva qual era dei tre.


RECENSIONE
Questo libro riprende durante la pausa estiva dal Magisterium, subito dopo che Call, Tamara e Aaron hanno superato la prima porta che li ha ammessi al livello di apprendimento successivo del Magisterium. La relazione con suo padre è sempre più tesa a causa della sua frequentazione al Magisterium, e Call è molto preoccupato per ciò che è venuto a sapere sul proprio conto. Preoccupato per la sua incolumità e per quella di Subbuglio, da alcune cose che viste del padre, Call scappa di casa e non potendo far ritorno al Magisterium prima della sua riapertura, si dirige verso casa della sua amica Tamara, dove scopre ci sarà anche il suo migliore amico Aaron, nonché primo Makar dopo molti anni.
I tre ragazzi si godono la loro prima estate insieme prima di tornare alle lezioni del Magisterium, ma non andrà tutto liscio come i tre amici sperano. L'Alkahest è stato rubato e visto lo scopo dell'oggetto Call è convinto che il ladro sia suo padre e che voglia usarlo contro di lui. Nonostante questo teme ciò che verrà fatto al padre una volta che l'Assemblea lo trovi, quindi con l'aiuto dei suoi fidati amici parte alla ricerca di Alestair per convincerlo a restituirgli l'Alkahest e riportarlo ai Maghi, ma sarà anche un viaggio che metterà Call di fronte ad una verità indiscussa e non sarà tanto facile a questo punto tenerlo segreto ai suoi compagni.
A grandi linee è questo che succede in questo secondo volume di Magisterium, ovviamente succede molto di più, ma non voglio rovinarvi la sorpresa, spero di non avervi detto troppo! Inizio col dire che ho apprezzato tantissimo questo libro e l'ho letto voracemente, non riuscivo ad interromperne la lettura, io dovevo sapere come sarebbe andato avanti, dovevo vedere dove sarebbero andate a parare le due autrici.
Nonostante questo, devo ammettere che ho apprezzato maggiormente il primo volume di questa serie. Ciò che mi è dispiaciuto maggiormente è il fatto che quasi tutta la storia si svolge al di fuori delle mura della scuola, e io mi sono innamorata del Magisterium, speravo di assistere alle lezioni dei giovani maghi, alle missioni nei dintorni dell'edificio e invece non c'è stato nulla di tutto questo. Una cosa che invece mi ha proprio infastidita è il fatto che dall'inizio del libro Call tenesse questa lista da Sire Malvagio nella sua mente, per determinare da se' se la sua natura era buona o cattiva: io capisco che Callum sia confuso sul suo conto, ma questi pensieri avvenivano in modo troppo frequente e a volte in momenti poco opportuni. Ultima pecca, ho trovato il libro troppo corto, ovviamente quando si sta amando un libro si vuole sempre di più, ma davvero 270 pagine le ho trovate pochine e mi sono ritrovata insoddisfatta alla fine. Nonostante queste piccolezze il libro l'ho trovato fantastico!
Il modo in cui le autrici descrivono gli elementi, le situazioni, il carattere dei personaggi è impeccabile. Callum grazie al suo segreto e al modo in cui lo affronta è cresciuto molto rispetto al primo libro; Aaron è come sempre il ragazzo perfetto che fa sempre la scelta giusta, ma questo mi piace di lui; Tamara, nonostante la giovane età, ha dovuto prendere una difficile decisione per proteggere un amico anche se ne ha dovuto tradire un altro, ma è stata la cosa giusta da fare; un personaggio che ha avuto una certa importante in questo libro è Jasper, nel primo libro lo abbiamo incontrato e ho creduto fosse il solito ragazzo cattivo che se la prende con il protagonista e i suoi amici, invece in questo libro mi ha fatto cambiare totalmente idea, anzi mi ha sorpresa e so' per certo che sorprenderà anche voi.
Devo ammettere che verso la fine del libro sono rimasta un po' sconcertata, le autrici sono arrivate ad un punto che pensavo di vedere soltanto nell'ultimo libro, quindi mi hanno alterato tutte le previsioni che mi ero fatta sui prossimi libri, non so più cosa aspettarmi dai seguiti, ma sono certa che rimarrò a bocca aperta da questo duo di autrici pazzesche! Spero solo di vedere più Magisterium nei prossimi libri e di scoprire molto di più sul Nemico della Morte che sicuramente avrà del tutto una nuova piega.
Tempo di lettura: 3 giorni

Cosa ne pensate di questo libro? Avete letto il primo? (:

6 commenti:

  1. Ho letto la recensione a balzelli, perchè non sono ancora riuscita a leggere il primo! :P
    Hai comunque fatto salire la mia curiosità del centodieci per cento! ^____^

    RispondiElimina
  2. Oddio che trama contorta o.ò sono curiosa di leggerlo v.v il fatto che non sia troppo lungo lo considero un bene per me, perché in questo periodo prediligo le letture non troppo impegnative!
    La cosa della lista comunque mi fa venire da ridere LOL
    Son curiosa invece per il finale di cui parli o.ò ora voglio sapere cosa succede SUBITO mannaggia Y.Y

    RispondiElimina
  3. Ho finito di leggerlo proprio in questo momento e non posso che essere d'accordo con te!!bellissimo libro,a me la lista non ha dato fastidio,mi dava il senso di ansia che opprime Call,le sue paure.... Sono troppo contenta per con sono andate le cose con Alastair 😍

    RispondiElimina
  4. Ciao, ma che bella recensione *-*
    Io ho adorato questo libro, ma meno del primo, devo dire (nonostante la mia voglia omicida verso Tamara perché torna la stronzetta che era nel primo libro)…
    Le ambientazioni così fuori dal Magisterium mi sono piaciute, ma adoro quella scuola quindi penso avrei preferito più scene lì dentro… L’atmosfera sempre magica come solo la Clare e la Black sanno fare *-*
    Bello, bello, bello!
    Se vuoi leggere la mia delirante e semi-seria recensione clicca qui :3
    Ciao!
    Rainy

    RispondiElimina
  5. A me è piaciuto molto, l'ho letto alla fine dell'anno scorso! Sto aspettando con ansia il terzoo *-*

    RispondiElimina
  6. A me questo è piaciuto più del primo, che non mi aveva presa praticamente per niente, quindi lo considero un buon miglioramento anche se devo ammettere di non essere comunque estremamente entusiasta. Mi ricorda ancora così tanto Harry Potter che il paragone mi disturba un sacco xD Sono d'accordo con te sulla questione della lunghezza, ci sarebbero volute delle pagine in più, 270 sono davvero pochissime per una storia di questo tipo!

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*