martedì 5 aprile 2016

Recensione: 'Glass Magician' di Charlie N. Holmberg

Buongiorno lettori!
oggi vi parlo di un libro uscito in edizione cartacea davvero pochissimi giorni fa. Il libro è secondo di una trilogia ed ero molto titubante se iniziarlo o meno. Il primo libro non mi era piaciuto affatto - RECENSIONE -, ma le ultime venti pagine hanno acceso in me la curiosità di sapere cosa sarebbe successo dopo. Facendomi molto coraggio ho iniziato il libro e con mia grandissima sorpresa, questo si è rivelato migliore del primo, parecchio meglio del primo! La storia mi ha totalmente assorta, tanté che non vedo l'ora di leggere il capitolo conclusivo.
──────────────────────────
Titolo: Glass Magician (The Paper Magician, #2)
Autore: Charlie N. Holmberg
Editore: Fanucci
Data di pubblicazione: 24 Marzo 2016
Pagine: 217
Prezzo: €14,90
Goodreads  |  inMondadori
Trama:
Tre mesi dopo aver restituito il cuore di Emery Thane, maestro di arti magiche, al suo legittimo proprietario, Ceony Twill è sulla buona strada per diventare una Piegatrice. Adora dare vita alle forme che disegna e creare esseri inanimati da semplici pezzi di carta. Non tutte le sue attenzioni, però, sono rivolte allo studio della magia; i suoi pensieri più dolci sono per il suo giovane maestro, a cui spera di avvicinarsi sempre più nonostante non sia ancora riuscita a rompere la barriera che li separa. Nel frattempo una nuova minaccia è in arrivo: un mago in cerca di vendetta è convinto che Ceony custodisca un importante segreto e sarà disposto a tutto pur di venirne a conoscenza... perfino a mettere a repentaglio l'esistenza stessa del mondo magico. Pericoli spaventosi si profilano all'orizzonte e Ceony sarà chiamata ad affrontare una nuova prova e a confrontarsi con i limiti delle sue paure per salvare le vite di coloro che più le stanno a cuore.


RECENSIONE
Nel precedente libro abbiamo conosciuto la protagonista della serie Ceony Twill, una giovane Piegatrice - apprendista maga della Carta, per la precisione - nell'intento di salvare il cuore del suo insegnate Emery Thane, rubatogli dall'escissionista Lira. Sin da quando è arrivata alla villetta del suo maestro, Ceony ha capito che stava iniziando a provare dei veri e propri sentimenti per lui, e ne ha avuto la conferma durante il suo viaggio all'interno del cuore del Mago. Riuscita a recuperare il cuore di Thane, sconfiggendo la nemica Lira, Ceony l'ha lasciata sulla spiaggia, ma guardando verso quel punto non ha più visto la sua figura. Per tutto il tempo la giovane Piegatrice si è domandata dove fosse finita, e in questo secondo libro avremo tutte le risposte.
Il libro inizia tre mesi dopo che Ceony ha fatto ritorno con il cuore di Thane, precisamente inizia un giorno in cui alla piccola Maga viene detto che qualche giorno dopo sarebbe dovuta andare in gita alla cartiera di Dartford, luogo in cui nasce la sua materia prima. Nulla sarebbe potuto andare storto in una gita tanto noiosa come quella, eppure la ragazza - e i suoi compagni - ne sono usciti vivi per miracolo. Come se non bastasse il calesse su cui viaggiava qualche giorno dopo è finito in un fiume e non si è trattato di un incidente, qualcuno vuole evidentemente sabotare alla vita della giovane maga.
Come ho detto in precedenza, questo libro è molto diverso dal precedente, se il primo mi ha annoiata per la maggior parte del tempo e mi ha fatto venire il così detto blocco del lettore, questo secondo l'ho letto dall'inizio alla fine con parecchio entusiasmo e piena di positività. Sin dalle prime righe il libro ha preso una bella piega misteriosa e mi sono ritrovata sopraffatta dalla storia. Ho apprezzato moltissimo la questione Magia, in questo libro - come da titolo - scopriremo parecchio di più sulla magia del Vetro, ed è parecchio più interessante della magia della Carta, scopriremo incantesimi diversi che non avremmo mai potuto immaginare. L'autrice è stata molto brava a creare questo mondo magico e sono contenta che si sia ripresa in Glass Magician!
Per quanto riguarda lo stile, non ho trovato quelle numerose descrizioni superflue che ho riscontrato nel primo libro, ma a volte avrei tolto delle inutili descrizioni che rallentano solo il lettore nella lettura, per il resto il libro si legge velocemente e grazie alla storia che ti cattura dall'inizio noi lettori rimaniamo incollati alle pagine fino alla fine.
Come in ogni libro però ho riscontrato dei fatti che mi hanno fatto un po' storcere il naso: prima cosa che non ho tanto apprezzato è la superficialità con cui si risolvono certe situazioni verso la fine del romanzo. Essendo la protagonista in una situazione non proprio comoda, mi sarei aspettata più azione - non che non ce ne sia stata - e non che si risolvesse tutto nel modo più semplice che si potesse immaginare, avrei preferito quindi qualche pagina in più con una risoluzione un po' più elaborata, al posto dell'esito frettoloso. Altra cosa che mi ha un po' innervosita è stato il carattere della protagonista mentre fa fronte ai sentimenti che prova per il suo insegnante, ho trovato che fossero ripetuti troppo spesso, quasi come l'autrice volesse continuamente sottolineare questa consapevolezza.
Per quanto riguarda i personaggi in Glass Magician ritroviamo dei personaggi conosciuti nel primo libro, ma ne conosciamo anche di nuovi. Protagonista indiscussa della storia è Ceony - la giovane apprendista Piegatrice - a parte i nuovi sentimenti che prova per il maestro, rimane la ragazzina impulsiva e spericolata del primo libro. E' molto intelligente e protettiva, vuole risolvere i problemi da sé e per questo ha coraggio da vendere, purtroppo per lei è molto avventata e non sempre riesce a risolvere le faccende senza mettersi nei guai. Mg Thane è cambiato molto, se nel volume precedente era una persona molto riservata, in questo volume si è aperto moltissimo con la sua apprendista e ha iniziato a far trapelare le sue emozioni; vedremo un Emery totalmente differente, un Emery che non ha paura di dichiarare i suoi sentimenti e le sue paure. Mg Aviosky è la solita Vetraia autoritaria di sempre, che grazie alla sua posizione di prestigio da' ordini e prende le decisioni che si aspetta non verranno trasgredite, si rivelerà anche una persona con dei sentimenti e delle preoccupazioni. Delilah è l'apprendista Vetraia di Mg Aviosky ed è molto legata a Ceony, è sempre molto disponibile e gentile con lei e pronta a mettersi nei guai pur di aiutarla. Mg Hughes viene solo accennato nel libro prima, ma si rivela un mago molto disponibile e serio nel suo lavoro; nonostante non si sappia ancora tanto di lui mi piace moltissimo.
Come in Paper Magician l'antagonista della storia sono gli escissionisti, personaggi che mi incuriosiscono sempre di più e hanno un ruolo fondamentale in questa storia. Scopriremo molto di più sulla pratica dell'escissione, ma sono sicura che c'è ancora moltissimo da scoprire.
Per terminare questa recensione vi ribadisco che il libro mi è piaciuto moltissimo. Se il primo libro ve lo avrei sconsigliato, ora mi rimangio ciò che ho detto e vi invito a leggere questa serie. Per chi ha letto il primo libro e non lo ha apprezzato come me: vi consiglio di dare un occasione a questo secondo libro, perché non ve ne pentirete assolutamente, è tutt'altra storia!
Per premiare l'autrice ho deciso di arrotondare il voto a quattro stelle - sarebbe stato un quattro meno - mi auguro con tutto il cuore che il terzo libro della serie sarà ancora migliore di questo!
Tempo di lettura: 3 giorni

3 commenti:

  1. bella recensione. Avevo letto il primo libro ma non mi è piaciuto molto. Quindi non so se leggerò il secondo

    RispondiElimina
  2. Questa trilogia non l'ho iniziata, e non credo che la leggerò. Non mi ispira proprio :/

    RispondiElimina
  3. Uhm...ammetto la mia ignoranza per questo libro..è la prima volta che ne sento parlare, a parte il titolo che non mi è nuovo.

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*