venerdì 15 luglio 2016

Recensione: 'Master Magician' di Charlie N. Holmberg

Buongiorno lettori!
oggi vi lascio la recensione del capitolo finale di una trilogia. Questa trilogia è iniziata nel peggiore dei modi per me, il primo libro l'ho odiato con tutta me stessa, tant'è che mi ha fatto venire il blocco del lettore, mentre il secondo si è ripreso in modo sorprendente e mi è piaciuto tantissimo. Ero curiosa di questo terzo libro, quasi sulle spine e mi sono chiesta tutto il tempo se sarebbe stato sull'onda del secondo o se sarebbe tornato indietro sullo stile del primo libro. Per fortuna ha continuato sulla via del suo predecessore e si è fatto leggere con una semplicità incredibile.
──────────────────────────
Titolo: Master Magician (Paper Magician, #3)
Autore: Charlie N. Holmberg
Editore: Fanucci
Data di pubblicazione: 14 Luglio 2016
Pagine: 256
Prezzo: €14,90
Goodreads  |  Amazon
Trama:
Durante il suo lungo apprendistato, Ceony Twill ha tenuto nascosto un segreto al suo stesso mentore, Emery Thane: ha scoperto di poter praticare forme di magia diverse dalla propria, un’abilità da sempre ritenuta impossibile da acquisire. Ormai è giunta al termine del suo percorso e sta per affrontare l’esame finale, ma proprio quando tutto sembra andare per il verso giusto ecco che gli imprevisti si mettono sulla sua strada, complicandole un bel po’ la vita. Per allontanare da sé i sospetti di favoritismo, Emery fa testare le qualità di Ceony da un tale Prit, un piegatore che, come tutti sanno, odia il maestro e a cui non importa nulla della sua apprendista. Proprio nel momento in cui un efferato criminale con cui la ragazza ha avuto un tempo a che fare è scappato di prigione e ora è pronto a regolare i conti con il passato. Ceony sa che se vuole evitare la sua vendetta dovrà trovarlo prima che sia troppo tardi, perché colui che ha di fronte è il peggiore dei suoi incubi, il solo in grado di padroneggiare l’unica forma di magia che lei non riesce a dominare...


RECENSIONE
Nel libro precedente Ceony è venuta a conoscenza di un segreto che potrebbe stravolgere il mondo della magia: fino ad ora si è sempre pensato che un vincolo magico con il proprio materiale non può essere sciolto, ma grazie a Granth ha scoperto una piccola formulina magica in grado di spezzare questo legame e potersi legare ad un altro elemento. Ceony di nascosto da tutti inizia a padroneggiare diverse forme di magia, inizialmente per apportare delle migliorie al suo amico a quattro zampe cartaceo Prezzemolo, ma successivamente per cercare e scovare il criminale più pericolo di tutti i tempi: l'escissionista Saraj Prendi, fuggito dalla custodia dei maghi. Ceony è intenzionata a risolvere anche questo problema, è riuscita a fermare Lira e Granth, niente e nessuno potrà fermarla dal tentare quest'impresa, in fonda dalla sua parte ha ogni tipo di magia. Oltre a questo, però, dovrà concentrarsi sul suo esame di magia per diventare a tutti gli effetti una Maga Piegatrice.
Come è successo per il secondo libro, la storia non riparte proprio dove si era interrotta, ma questa volta sono passati ben due anni. Due anni in cui il suo apprendistato con il Mago Emery Thane è quasi giunto alla porte, così che possano smettere di essere un segreto per il mondo. I piccoli difetti che ho riscontrato nei volumi precedenti - stilisticamente parlando - sono ancora presenti: le situazioni spinose in cui inciampa Ceony si risolvono sempre in maniera molto semplice e mai con tutta l'azione che ci si aspetta. Continuano le descrizioni troppo prolisse - non ai livelli di Paper Magician, ma qui avrei tolto qualche dettaglio. Nonostante Ceony non ripeta tutto il tempo che è innamorata del suo maestro, questa volta si imparanoia sul fatto di essere vista di cattivo occhio e che lui posso cambiare idea sul loro rapporto, insomma.. comprensibile, ma avrei speso un po' meno tempo in questi pensieri! Altro fatto che viene ripetuto spesso è la perdita di due personaggi - avvenuti nei libri passati - a cui si addossa la colpa; stesso discorso di sopra, lo avrei accentuato un po' di meno.
I peronaggi sono rimasti pressoché gli stessi: Ceony senza dubbio cresciuta dal primo libro, ora è una giovane maga che pensa in modo più maturo, determinata e coraggiosa come nessun altro, ma anche disubbidiente, pronta a mettere la sua vita in pericolo nonostante le promesse fatte. Ciò che ho apprezzato maggiormente di lei è il suo rapporto con la famiglia, ci tiene moltissimo e si preoccupa per i suoi fratelli, cerca di aiutarli in ogni modo possibile. Emery Thane è pressoché lo stesso del libro precendente, molto aperto con la sua apprendista, dichiara spesso di tenere a lei e lo dimostra in ogni modo possibile; nonostante sia più grande di età non ho dubbi, potrebbe essere l'uomo perfetto. Mg Aviosky è diversa, non è più il personaggio super puntiglioso che era un tempo, bensì nonostante sia a conoscenza di certe situazioni, ci mette una mano sopra anche se chiaramente non la vede di buon occhio. Abbiamo anche due new entries, Mg Bailey e Bennet: il primo è un uomo riservato e molto antipatico a mio parere, a causa dei trascorsi con Mg Thane la fa passare molto lenta alla povera Ceony; il secondo era un compagno di classe della ragazza, anche lui sta facendo l'apprendistato per diventare un Piegatore ed è una persona molto socievole e disponibile.
La storia talvolta l'ho trovata un po' forzata, la fuga di Saraj non ha un vero perché, sembra piazzata lì solo ed esclusivamente per Ceony, il modo in cui è fuggito non mi è del tutto chiaro. Sorvolando questo, la storia l'ho apprezzata moltissimo; ho divorato il libro in pochissimo tempo, sempre più curiosa pagina dopo pagina, trattenendo la mia volontà incontrollabile di sapere come sarebbe andata a finire questa guerra con l'escissione e soprattutto questa favola tra la giovane maga e il suo maestro.
In conclusione, posso affermare di consigliarvi questa trilogia. Gli elementi magici non sono i classici che vediamo nei libri di magia, sono innovativi e molto interessanti. I personaggi vi entreranno nel cuore e vi dispiacerà dovergli dire addio. Se vi siete fermati a Paper Magician, vi prego di continuare quest'avventura perché non ve ne pentirete minimamente.
Tempo di lettura: 2 giorni

6 commenti:

  1. Ho adorato da impazzire Paper Magician e sono super contenta che abbiano continuato a tradurre tutta la serie, non vedo l'ora di leggere anche gli altri due! Una delle migliori letture che abbia fatto ultimamente :3

    RispondiElimina
  2. Adoro questa trilogia.Bella recensione,ora sono davvero curiosa:)

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai preso in considerazione questa trilogia,però forse ho fatto male,ne sento parlare bene

    RispondiElimina
  4. Non conosco la serie ma mi ha fatto ridere il fatto che il primo libro ti abbia addirittura causato un blocco del lettore, mentre il secondo e il terzo sono andati molto meglio! :O Io quando leggo qualcosa che proprio non va giù preferisco lasciar stare e dedicarmi ad altri libri, visto anche che ne ho ancora parecchi da recuperare :D

    RispondiElimina
  5. Questa saga mi ispira molto, ma ho paura di iniziarla... Però mi fido delle tue recensioni, quindi le darò una possibilità!

    RispondiElimina
  6. sono curiosa di leggere questa saga anche se non ho letto molte recensioni al riguardo

    RispondiElimina

Ora che sei passato e teoricamente hai letto questo post, lasciami un commento *3* eddai cosa ti costa! :DD
Graazie *-*